Cerca nel blog

Translate

Post più popolari

Cerca nel blog

martedì 24 novembre 2015

Piacenza in una App:


Piacenza in una App:la città si racconta e diventa smart
Un' app basata sulla tecnologia dei beacons e disponibile su App Store e Google Play
In occasione di Expo Milano 2015 il Comune di Piacenza ha messo in campo un nuovo strumento pensato sia per i turisti che per i cittadini.

Piacenza è la prima città italiana a essere stata mappata con un’applicazione sviluppata grazie alla piattaforma IMApp e basata sulle tecnologie iBeacons e GPS, per garantire a turisti e cittadini un’esperienza di visita e fruizione coinvolgente  sia all’aperto che al chiuso
Con la app Piacenza sarà possibile conoscere la città in tutte le sue sfaccettature, venire in contatto con le realtà museali e i loro preziosi capolavori, da Botticelli alle raccolte archeologiche, ma anche avere notizie sulle importanti chiese piacentine, scrigni di tesori storici e artistici. 
Sarà possibile selezionare differenti itinerari tematici, che verranno incontro alle esigenze e agli interessi individuali, e percorrere le strade della città attraverso le mappe.
Milano, 20 novembre 2015Tutte le bellezze storiche e artistiche della città di Piacenza da oggi si toccano con un clic sullo smartphone o sul tablet grazie alla nuova app Piacenza - ideata dall’Amministrazione comunale e realizzata da UltravioletApp - che permette di visitare la città lasciando che sia lei stessa a raccontarsi proponendo itinerari tematici e fornendo informazioni utili a turisti e cittadini.

Piacenza App, per il suo carattere innovativo e volto a migliorare la qualità della vita sul territorio, è stata anche selezionata tra le 10 migliori innovazioni della pubblica amministrazione nell'ambito del Smart City Exhibition – Citizen Data Festival, che si è tenuto  dal 14 al 16 ottobre scorsi a Bologna.
Piacenza App: come funziona
Nel settembre 2014 IMApp, la piattaforma tecnologica su cui si basa la App Piacenza, è stata impiegata per l’app ufficiale dei Musei Civici di Palazzo Farnese e, sulla scia di questo importante risultato, ora è stata estesa a tutto il capoluogo emiliano.

Tale tecnologia mette il visitatore al centro, accompagnandolo in ogni percorso all’aperto e al chiuso e inviandogli informazioni dettagliate (descrizione di un monumento, storia di un palazzo, spiegazione di una chiesa) e personalizzate.
Consultando l’app Piacenza e affidandosi alla microlocalizzazione, l’utente può reperire in tempo reale tutte le informazioni sul bellissimo Duomo romanico consacrato circa un millennio fa, oppure tanti approfondimenti e curiosità della Collezione di Armi, risalente al XIX secolo e inserita all’interno di Palazzo Farnese.
L’applicazione vuole quindi essere uno strumento innovativo e una guida turistica a portata di clic per vivere al meglio la città e godere appieno delle sue bellezze, celebri e nascoste.

Piacenza App: beacons e Gps a servizio dell’utente
Su una mappa interattiva della città, l'utente può vedere i principali punti d'interesse storico e artistico e scegliere quale raggiungere grazie al sistema di localizzazione. L'applicazione farà da navigatore guidandolo attraverso le strade cittadine e integrando la visita con un'esauriente descrizione e svariati contenuti multimediali. Le funzioni di ricerca e condivisione sui social network rendono ancora più immediata e appagante l'esperienza di visita, mentre vari percorsi tematici mostreranno al turista gli aspetti più significativi della storia e della cultura di Piacenza.

Nel caso in cui il segnale GPS non fosse abbastanza potente, ad esempio per visite all’interno di una chiesa, un museo o tra le strette strade del centro storico, intervengono i beacons (300 dislocati in tutta la città): questi piccoli trasmettitori Bluetooth sono infatti in grado di emettere segnali radio a basso consumo per un raggio che va da pochi centimetri fino a 40 metri di raggio. Ogni volta che un dispositivo entra nel raggio d’azione di un beacon, ne identifica il codice univoco e lo invia al cloud, il quale comunica al dispositivo l’azione abbinata al beacon e la scatena. In questo modo tutti i siti di interesse storico e artistico della città sono visitabili tranquillamente utilizzando al meglio le tecnologie di cui l’app è dotata.

Nell’applicazione sono inoltre presenti anche i principali centri di pubblica utilità, come ospedali, biblioteche, farmacie, questure e uffici comunali. Per ognuno di essi l'app Piacenza indica l’orario di apertura, il contatto diretto e i servizi disponibili, con la possibilità di collegarsi alla pagina specifica del sito web del Comune e procedere alle eventuali prenotazioni.

Le schede informative vengono automaticamente visualizzate per tutti i punti di interesse della città, dai Musei di Palazzo farnese alla Galleria d’Arte Moderna Ricci Oddi, dal Collegio Alberoni a sei chiese selezionate dalla Diocesi di Piacenza e Bobbio.

E per vivere la città di Piacenza anche da casa, un’apposita sezione dell’app è dedicata a news, curiosità ed eventi in programma in città, per un coinvolgimento che dura anche dopo la visita turistica.

Come rileva Marco Boeri, fondatore di UltravioletApp:“Piacenza è la prima città italiana che si racconta da sola” grazie a un’applicazione tecnologica a misura di qualunque cittadino o turista che voglia godersi le meraviglie di una meta fuori dai circuiti tradizionali, ma ricca di fascino, bellezza e cultura.

La App Piacenza, lanciata in concomitanza con Expo 2015 e pensata sia per i residenti, sia per i turisti, è scaricabile gratuitamente da Google Play e App Store.

Caratteristiche della App:

·         Punti di interesse sulla mappa con localizzazione divisi per categorie (chiese, monumenti, musei, palazzi storici, …)
·         Schede descrittive con contenuti multimediali e predisposizione per audio guida
·         Percorsi di interesse storico e culturale
·         Navigazione guidata all'interno del Museo Civico di Palazzo Farnese
·         Condivisione social dei contenuti su Facebook, Twitter e Google+
·         Ricerca per categorie, i Punti d’interesse sono raggruppati in: chiese, monumenti e piazze, musei, palazzi storici, teatri, mobilità e parcheggi, servizi utili e di emergenza, informazioni turistiche, enogastronomia e uffici comunali
·         Ricerca dei singoli punti d’interesse ordinati alfabeticamente
·         Click2Call per servizi di emergenza
·         Notifiche push: piattaforma predisposta per notifiche push in tempo reale su canali dedicati (es. eventi culturali, eventi pubblici, etc.)
·         News & eventi su cosa succede in città aggiornati in tempo reale
ALCUNI NUMERI Cosa c’è dietro  Piacenza
3 Musei
6 Chiese
18 Mappe
522 immagini
98 POI all’aperto
192 POI al coperto
234 beacons
225 contenuti audio

932 download apple
925 downloads
***
Ultraviolet s.r.l.
UltravioletApp, un marchio di Tualba s.r.l, si occupa dello sviluppo di applicazioni per smartphone e tablet.  Particolarmente focalizzata sui servizi di localizzazione, ha sviluppato la piattaforma IMApp che, a poco più di un anno dal lancio, è già stata utilizzata in 8 app. Altre due sono in fase di rilascio ed una in fase di realizzazione, prima commessa ricevuta dall’estero, sarà di supporto ai visitatori della più alta attrazione turistica del mondo, in fase di realizzazione in Medio Oriente.

Per maggiori informazioni visitate: www.ultravioletapp.it e www.imapp.it

Nessun commento:

Posta un commento